IRAN - 3 detenuti morti di Coronavirus nella prigione di Karaj, 1 a Ilam

IRAN - NCRI

03 Marzo 2022 :

Secondo alcuni rapporti, 3 prigionieri sono morti a causa del Coronavirus nella prigione centrale di Karaj perché gli sono state negate cure mediche e medicine. Attualmente, molti prigionieri nella prigione di Karaj sono infettati da Omicron, ma le autorità carcerarie si rifiutano di fornire loro qualsiasi trattamento medico. I reparti 7 e 8 della prigione hanno il maggior numero di prigionieri infetti. Nonostante soffrano di mal di gola, mal di testa, febbre e brividi, sono privati di qualsiasi assistenza medica, medicina o persino antidolorifici. Il sovrappopolamento delle carceri, che costringe i detenuti a dormire fianco a fianco sul pavimento fino al bordo della toilette ha aumentato la gravità dell'infezione da Coronavirus.
Nei giorni scorsi, a diverse detenute politiche, tra cui Somayeh Qureshi, Golaleh Moradi, Senour Tamara e Senour Khalifani, è stato diagnosticato il Coronavirus nella prigione di Urmia, ma è stato negato loro qualsiasi trattamento medico.
Da un altro rapporto si apprende che il 55enne Ebrahim Johari è morto nella prigione centrale di Ilam l'11 febbraio 2022, perché gli è stato negato l'accesso ai servizi medici. Il regime aveva ritardato il suo trasferimento in ospedale.
La Resistenza iraniana richiama l'attenzione delle Nazioni Unite e delle sue agenzie competenti, nonché dei relatori delle Nazioni Unite e dell'Unione europea e dei suoi Stati membri sulle gravi e sistematiche violazioni dei diritti umani in Iran e sulla tortura dei prigionieri malati, in particolare durante l'epidemia di Coronavirus. Chiede ancora una volta che una delegazione internazionale visiti le carceri iraniane, incontri i prigionieri e intraprenda azioni urgenti per salvare la vita dei prigionieri nel braccio della morte.

https://www.ncr-iran.org/en/ncri-statements/statement-human-rights/iran-executions-in-zahedan-isfahan-kermanshah-and-shiraz/

 

altre news