USA - New Hampshire. Il Governatore Sununu ha posto il veto su legge di abolizione

25 Giugno 2018 :

Il Governatore Sununu ha posto il veto sulla legge che avrebbe abolito la pena di morte nello stato. Chris Sununu (43 anni, bianco, Repubblicano) aveva ampiamente annunciato la sua posizione favorevole alla pena di morte, posizione che però non aveva dissuaso i parlamentari dall’approvare il disegno di legge SB 593 che era passato al Senato il 15 marzo (vedi) con un voto 14-14, e il 26 aprile (vedi) alla Camera con un voto 223-116. Il ddl era passato anche con il voto favorevole di diversi parlamentari Rapubblicani. Il veto del governatore potrà essere superato solo se entrambe le camere ri-votano la legge con una maggioranza di 2/3. Nella conferenza stampa in cui ha reso nota l’apposizione del veto, Sununu, circondato da poliziotti, ha dichiarato: “Mentre rispetto molto le argomentazioni avanzate dai sostenitori di questo disegno di legge, mi schiero con vittime dei reati, con i membri della comunità di polizia e con i difensori della giustizia che vi si oppongono. Il New Hampshire non prende la pena di morte con leggerezza e la usiamo solo con parsimonia". Posizione opposta a quella del Governatore è quella del deputato Renny Cushing, democratico, che ha avuto sia il padre che il cognato uccisi, vittime di due diversi casi di criminalità. Cushing è stato tra i sostenitori della nuova legge, ed ha ribadito che non tutti i parenti delle vittime la pensano come Sununu”. "Molti familiari delle vittime di omicidio nel nostro stato hanno pagato un prezzo molto doloroso e duro per il diritto di dire a Sununu che non vogliamo uccisioni nel nostro nome. La realtà è che la pena di morte non fa l'unica cosa che vorremmo fare: riportare i nostri cari. "Quando il disegno di legge è stato approvato, il deputato Richard O'Leary, ex vice capo della polizia a Manchester, ha dichiarato di aver votato per il disegno di legge perché "Non credo che abbiamo il diritto, in nessuna circostanza, eccetto l'autodifesa immediata, di prendere una vita. Una volta che il criminale è stato sottomesso, arrestato, isolato dalla società e reso innocuo, non riesco a vedere che bisogno irrefrenabile possa avere uno stato di giustiziarlo. È semplicemente sbagliato." Il New Hampshire non ha giustiziato nessuno dal 1939, e attualmente ha una sola persona, Michael Addison; nel braccio della morte. Addison è accusato di aver ucciso, nel 2006, un poliziotto.

 

altre news