esecuzioni nel mondo:

Nel 2018

0

Dal 2000 a oggi

0

legenda:

  • Abolizionista
  • Mantenitore
  • Abolizionista di fatto
  • Moratoria delle esecuzioni
  • Abolizionista per crimini ordinari
  • Impegnato ad abolire la pena di morte

CANADA

 
governo: monarchia costituzionale che è anche una democrazia parlamentare e una federazione
stato dei diritti civili e politici: Libero
costituzione: 17 aprile 1982; Carta dei Diritti e norme tradizionali
sistema giuridico: si basa sulla common law inglese, salvo il Quebec, che si basa sul sistema francese
sistema legislativo: bicamerale, Senato e Camera dei Comuni
sistema giudiziario: Corte Suprema, giudici nominati dal Primo Ministro attraverso il Governatore Generale
religione: 42,6% cattolici, 23,3% protestanti, altre minoranze
braccio della morte:
Data ultima esecuzioni: 0-0-0
condanne a morte: 0
Esecuzioni: 0
trattati internazionali sui diritti umani e la pena di morte:

Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici

Primo Protocollo Opzionale al Patto

Secondo Protocollo Opzionale al Patto (per l'abolizione della pena di morte)

Convenzione sui Diritti del Fanciullo

Convenzione contro la Tortura ed i Trattamenti e le Punizioni Crudeli, Inumane o Degradanti

Statuto della Corte Penale Internazionale (esclude il ricorso alla pena di morte)


situazione:
L’impiccagione era la pena prevista per omicidio in Canada dal 1892 al 1961. Nel 1966, il Governo ha approvato una legge che limitava la pena capitale all’assassinio di poliziotti e guardie carcerarie in servizio. Nel 1976, la Camera dei Comuni l’ha cancellata dal Codice Penale, sostituendola con l’ergastolo obbligatorio di 25 anni per i colpevoli di omicidio di primo grado. La pena di morte per i reati militari è stata abolita il 10 dicembre 1998.
Nel 1987, un voto alla Camera dei Comuni ha riaffermato l’abolizione della pena di morte. 148 deputati contro 127 hanno respinto la proposta di reintroduzione.
L’ultima esecuzione risale al 1962. Due minuti dopo mezzanotte, l’11 dicembre 1962, due uomini, Arthur Lucas e Robert Turpin, furono impiccati spalla a spalla nel carcere Don di Toronto. Erano il 709° e il 710° a essere messi a morte da quando la pena di morte era entrata in vigore nel 1859.
Per anni il Canada è stato l'unico paese occidentale a restituire regolarmente agli Stati Uniti e ad altri paesi i sospetti senza chiedere garanzie contro l'esecuzione.
Nel caso Burns e Rafay, definito il 15 febbraio 2001 dalla Corte Suprema, si è assistito a un cambiamento nella politica relativa alle estradizioni. Sebastian Burns e Atif Rafay, cittadini canadesi, erano stati richiesti dagli USA per omicidio, un reato capitale. Per la prima volta il Canada ha rifiutato l’estradizione ponendo così fine alla politica del Governo canadese di concedere sempre l’estradizione senza le garanzie circa la non applicazione della pena di morte, da chiedere solo in casi eccezionali. La corte nel caso Burns e Rafay ha stabilito esattamente l’opposto e cioè che tali garanzie vanno chieste sempre, salvo in casi eccezionali.
L’11 gennaio 2002, la Corte Suprema ha stabilito che i rifugiati che rischiano la tortura nei loro paesi d’origine, in linea di massima, non possono essere estradati a meno che le prove non dimostrino che la loro presenza in Canada possa rappresentare un serio rischio per il paese. 
Il 25 novembre 2005, il Canada ha ratificato il Secondo Protocollo Opzionale al Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici (per l'abolizione della pena di morte).
Il 19 dicembre 2016, il Canada ha nuovamente votato in favore della risoluzione per una moratoria delle esecuzioni capitali all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e per la prima volta ha co-sposnorizzato il testo.

 

Stati Uniti d'America e Canada