esecuzioni nel mondo:

Nel 2018

0

Dal 2000 a oggi

0

legenda:

  • Abolizionista
  • Mantenitore
  • Abolizionista di fatto
  • Moratoria delle esecuzioni
  • Abolizionista per crimini ordinari
  • Impegnato ad abolire la pena di morte

QATAR

 
governo: monarchia assoluta
stato dei diritti civili e politici: Non libero
costituzione: ratificata con referendum pubblico il 29 aprile 2003, effettiva dal 9 giugno 2005
sistema giuridico: basato sui codici civile e islamico vi è un sistema discrezionale controllato dall'emiro, anche se si stanno introducendo i codici; la legge islamica ha giurisdizione sulle questioni personali e famigliari
sistema legislativo: monocamerale, Consiglio Consultivo (Majlis al-Shura)
sistema giudiziario: corti di primo grado, d'Appello e Cassazione. una corte amministrativa e una corte costituzionale sono state istituite nel 2007
religione: 77.5% mussulmani, 8.5% cristiani, 14% altro
metodi di esecuzione: impiccagione
braccio della morte: almeno 10 (fine 2016 secondo Amnesty International)
Data ultima esecuzioni: 11-3-2003
condanne a morte: 1
Esecuzioni: 0
trattati internazionali sui diritti umani e la pena di morte:

Convenzione sui Diritti del Fanciullo

Convenzione contro la Tortura ed i Trattamenti e le Punizioni Crudeli, Inumane o Degradanti


situazione:
Dal marzo 2013, dopo dieci anni consecutivi senza esecuzioni, il Qatar può essere considerato un Paese abolizionista di fatto.
In Qatar, sono reati capitali l’omicidio, i crimini contro lo stato e il traffico di droga. In base all’art 283, sezione 11, del codice penale, l’abuso sessuale è punito con 15 anni di carcere, ma se la vittima è un parente, si applica l’art. 279 che prevede la pena di morte.
Parallelamente ai codici civile e penale, in Qatar vige la Sharia, anche se si applica solo ai musulmani. Il reato di Zina rende punibile con la morte qualsiasi atto sessuale di una persona sposata al di fuori del matrimonio, mentre gli atti sessuali da parte di persone non sposate sono punibili con la fustigazione.
I non musulmani non possono fare proseliti e il Governo proibisce ufficialmente servizi religiosi pubblici da parte di non-musulmani. Quelli privati sono consentiti e protetti. Convertire dall’Islam è considerato apostasia ed è tecnicamente un reato capitale. Tuttavia non vi sono notizie di esecuzioni per questo “crimine” dal 1971.
Nel febbraio 2004, il Qatar ha approvato la sua prima legge contro il terrorismo che prevede la pena di morte o l’ergastolo per “chiunque crei, organizzi o diriga un gruppo o un’organizzazione allo scopo di commettere un’azione terroristica”.
L’ultima esecuzione è stata effettuata l’11 marzo 2003, quando un cittadino indiano, Arun Abraham, condannato a morte dal tribunale della Sharia del Qatar per l’omicidio di un connazionale, è stato fucilato nella prigione centrale di Doha.
Le esecuzioni sono sempre state rare in Qatar, anche se sentenze capitali continuano a essere comminate. Non vi erano state esecuzioni per dieci anni fino al 2001, quando tre persone sono state giustiziate.
Il potere di commutare le sentenze di morte spetta all’Emiro.
Nel 2016 sono state emesse sei nuove condanne e almeno 10 persone erano nel braccio della morte a fine anno.
Nel 2015, sono state emesse nove condanne a morte. Almeno sette persone erano in attesa di esecuzione alla fine dell’anno e almeno due commutazioni sono state concesse, secondo Amnesty International.
Nel 2014, sono state emesse almeno quattro condanne a morte: due per omicidio, una per reati legati alla droga e una nei confronti di un filippino per spionaggio.
Nel 2013 erano state emesse sei condanne a morte e almeno una nel 2012.

Le Nazioni Unite
Il 7 maggio 2014, il Qatar è stato sottoposto alla Revisione Periodica Universale del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite. La delegazione del Paese, nel ribadire che la pena di morte non era stata praticata dal 2003, ha accettato le raccomandazioni a continuare gli sforzi per la promozione dei diritti umani e ha respinto quelle per l’adozione di una moratoria de jure sulle esecuzioni, in vista di abolire la pena di morte.
Il 19 dicembre 2016, il Qatar ha nuovamente votato contro la Risoluzione per una moratoria delle esecuzioni capitali all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

 

notizie


 

Pena di morte per reati violenti

 
 
 

 

Asia, Medio Oriente, Australia e Oceania