esecuzioni nel mondo:

Nel 2018

0

Dal 2000 a oggi

0

legenda:

  • Abolizionista
  • Mantenitore
  • Abolizionista di fatto
  • Moratoria delle esecuzioni
  • Abolizionista per crimini ordinari
  • Impegnato ad abolire la pena di morte

BURKINA FASO

 
governo: repubblica parlamentare
stato dei diritti civili e politici: Parzialmente libero
costituzione: 2 giugno 1991 adottata formalmente l'11 giugno 1991, ultimo emendamento gennaio 2002
sistema giuridico: si basa sui codici francesi e sul diritto consuetudinario
sistema legislativo: monocamerale, Assemblea Nazionale
sistema giudiziario: Corte Suprema; Corte d'Appello
religione: 50% musulmani; 40% animisti; 10% cristiani
metodi di esecuzione: plotone d'esecuzione
braccio della morte: 12 (fine 2017)
Data ultima esecuzioni: 0-0-1988
condanne a morte: 0
Esecuzioni: 0
trattati internazionali sui diritti umani e la pena di morte:

Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici

Primo Protocollo Opzionale al Patto

Convenzione sui Diritti del Fanciullo

Convenzione contro la Tortura ed i Trattamenti e le Punizioni Crudeli, Inumane o Degradanti

Statuto della Corte Penale Internazionale (esclude il ricorso alla pena di morte)


situazione:

Il 1 ° giugno 2018, è stato approvato con 83 voti favorevoli e 42 contro un nuovo codice penale che abolisce la pena di morte modificando la legge n ° 043-96/ADP del 13 novembre 1996 sul precedente codice penale. Il disegno di legge che proponeva l'abolizione della pena di morte era stato introdotto nel 2015 in Parlamento dall'allora capo del Consiglio nazionale di transizione Cheriff Sy.
Secondo Rene BagOro, Ministro della giustizia del Burkina Faso, il codice penale di nuova adozione promuoverà una "giustizia più credibile, equa, accessibile ed efficace nell'applicazione del diritto penale.”
La decisione di abolire la pena di morte giunge mentre è in corso un processo davanti una corte militare per un fallito colpo di stato del 2015 che coinvolge 80 persone tra cui due ex collaboratori presidenziali.
Secondo media locali la decisione apre la strada all’estradizione di Francois Compaoré – il fratello minore dell'ex presidente del Burkina Faso Blaise Compaoré – dalla Francia.
Alla fine del 2017, c’erano 12 persone nel braccio della morte.
La pena di morte è stata eseguita per la prima volta nel 1960, nello stesso anno in cui il Burkina Faso ha ottenuto l’indipendenza dal Regno Unito. Le ultime esecuzioni ebbero luogo nel 1988, quando sette persone furono messe a morte per aver ucciso un ufficiale dell'esercito e sua moglie. 


Le Nazioni Unite
Nell’aprile 2013, il Burkina è stato sottoposto alla Revisione Periodica Universale del Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU. La delegazione del Paese ha osservato che nessun consenso è stato raggiunto per l’abolizione nel 2011 nel corso delle consultazioni svolte dal Consiglio Consultivo per le Riforme Politiche. Tuttavia, un progetto di legge è stato preparato per la ratifica del Secondo Protocollo Opzionale al Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici, che mira all’abolizione della pena di morte.
Il 19 dicembre 2016, il Burkina Faso ha nuovamente votato a favore della Risoluzione per una Moratoria delle esecuzioni capitali all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

 

notizie


 

Abolizione della pena di morte

 
 
 

 

Africa